Now loading.
Please wait.

+39. 02-9620606

info@lauda.net

Certificazione Sistemi di Gestione

HomeBlog & NewsGuideCertificazione Sistemi di Gestione
HomeBlog & NewsGuideCertificazione Sistemi di Gestione
Certificazione Sistemi di Gestione

Certificazione Sistemi di Gestione

posted in Guide

Sistemi di gestione aziendali secondo le norme ISO 9001 - ISO 14001 - OHSAS 18001...


Con tale termine si intendono tutti i sistemi di gestione implementati nelle organizzazioni (es. società, aziende) nei diversi settori in cui operano (es. manifatturiero, alimentare, servizi, costruzioni, ecc.) in riferimento ai requisiti espressi da una serie di norme internazionali, tra le quali:

  • - ISO 9001:2008 per i Sistemi di Gestione della Qualità;
  • - ISO 14001:2004 per i sistemi di gestione ambientali;
  • - UNI CEI EN ISO 50001:2011 per i Sistemi di Gestione dell'Energia;
  • - OHSAS 18001:2007 per i sistemi di gestione della sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro
  • - SA 8000:2008 impatto sull´etica e sul sociale (emessa dal SAI).

L'adesione alle norme è volontaria, a meno che non siano citate come testi cogenti in atti legislativi specifici. Esistono, quindi, gli organismi accreditati secondo norme internazionali che rilasciano appunto la certificazione dei sistemi di gestione a seguito di verifiche ispettive condotte, secondo precisi regolamenti concordati, presso l'organizzazione richiedente..

  1. 1) Come certificarsi?
  2. 2) A cosa serve certificarsi?
  3. 3) Perché dovrei certificarmi visto che i miei prodotti sono ottimi?
  4. 4) Quanto tempo ci vuole per certificarsi?
  5. 5) Chi può certificare?
  6. 6) Esiste un elenco degli enti certificatori?
  7. 7) Cos’è l'ACCREDIA?
  8. 8) Un ente certificatore può non essere accreditato SINCERT (ACCREDIA) e rilasciare ugualmente certificazioni ISO 9000 o ISO 14000?
  9. 9) Le norme ISO sono obbligatorie?

 

1. Come certificarsi?

Pre-requisito essenziale per chiedere la certificazione è avere implementato il sistema qualità descritto nel manuale della qualità, nelle procedure e nelle istruzioni operative, conformemente a quanto richiesto dalle norme.

Una volta che il sistema qualità è avviato si inoltra domanda di certificazione, che in genere richiede di prendere visione del manuale della qualità per determinarne la conformità alle prescrizioni dello standard. Se la documentazione presentata risulterà conforme si richiederà di verificarne l’applicazione concreta in azienda tramite la visita ispettiva. Durante tale visita è possibile che gli ispettori segnalino incongruenze e anomalie (le cosiddette “non conformità”), il loro numero e la loro gravità possono pregiudicare il rilascio del certificato.

Se il risultato della visita sarà positivo si rilascia il certificato, con l’obbligo di correggere eventuali non conformità riscontrate, pena il ritiro del certificato.

 

2. A cosa serve certificarsi?

Serve per “rassicurare” i clienti sul modo di operare dell’azienda. Infatti scegliendo un’azienda che ha implementato un sistema qualità, il cliente è ragionevolmente sicuro che questa sarà in grado, con continuità nel tempo, di fornire prodotti e servizi conformi a determinati requisiti concordati (e verificati almeno al momento della prima fornitura). Per farla breve, i prodotti non nascono per caso, ma sono frutto di attività organizzate finalizzate ad ottenerli con date caratteristiche. Tutte queste attività svolte dai processi sono riproducibili infinite volte per cui i prodotti risultanti mediamente presenteranno le stesse caratteristiche. Il prodotto risultante può non essere il migliore sul mercato, ma tutto è stato predisposto affinché non lo sia!

La certificazione è l'atto formale con cui una terza parte indipendente dichiara che il sistema di qualità implementato (e mantenuto attivo) dall'azienda risponde ai requisiti delle norme ISO 9000.

La ragione per la quale le aziende richiedono la certificazione di terza parte è quella di dimostrare al cliente la loro capacità di operare secondo i requisiti espressi dalle ISO 9000 e mantenere nel tempo il metodo di gestione implementato, senza coinvolgere direttamente il cliente nei controlli del sistema o di prodotto. Praticamente l’ente certificatore si sostituisce al cliente nell’esecuzione dei controlli del sistema.

Un’azienda può implementare un sistema qualità conforme alle ISO 9000 senza richiedere la certificazione, perché il certificato è solo una garanzia per il cliente. Infatti esistono aziende che sono certificabili, ma che non richiedono la certificazione da parte di un ente terzo poiché il mercato in cui operano non lo richiede.

Inoltre, anche se la norma è volontaria, per diverse categorie l’ottenimento della certificazione ISO 9001:2008 è obbligatoria (settore di costruzione, formazione ecc.)

 

3. Perché dovrei certificarmi visto che i miei prodotti sono ottimi?

Perché anche se il prodotto è eccellente, dalla certificazione si ottengono comunque dei vantaggi.

Innanzitutto, è un modo per migliorare la propria immagine sul mercato. Il cliente si sente tutelato con l’acquisto di prodotti di aziende certificate perché sa che questi prodotti non sono stati ottenuti per puro caso, ma sono il risultato di un’accurata progettazione e di rigorose procedure di produzione (comprendenti anche controlli in-process e finali).

La garanzia che dovrebbe dare la certificazione ISO 9000 è che le caratteristiche peculiari del prodotto non peggioreranno nelle produzioni future, ma rimarranno costanti o miglioreranno. Poi, c’è l’enorme vantaggio per l’azienda stessa perché la certificazione offre l’opportunità di rivedere l’intera organizzazione ponendo particolare attenzione al ruolo dei processi aziendali.

Tra i principali vantaggi vi sono:

  • riduzione delle non conformità di prodotto e di processo
  • miglioramento nella capacità di previsione dei costi
  • uniformità nelle procedure di svolgimento del lavoro
  • persone diverse svolgono la stessa attività nello stesso modo
  • enfasi alla risoluzione dei problemi andando sempre alla radice (causa scatenante)
  • focalizzarsi nel fare bene le cose giuste la prima volta
  • migliorare il marketing e l’immagine dell’azienda

 

4. Quanto tempo ci vuole per certificarsi?

Il tempo necessario ad un’azienda per ottenere la certificazione cambia in relazione alla complessità e dimensione dell’azienda e alla “lontananza” del sistema di gestione in vigore da quanto è richiesto dalle ISO 9000.

I tempi mediamente si aggirano intorno a 4-8 mesi, ma molto dipende dalla priorità che viene data all’ottenimento della certificazione e alla effettiva implementazione del sistema.

 

5. Chi può certificare?

Per certificare è sufficiente essere un ente terzo indipendente accreditato per l settore richiesto da uno dei organismi riconosciuti nell’ambito EA.

Vedi EA members link: http://www.european-accreditation.org/content/ea/members.htm

 

6. Esiste un elenco degli enti certificatori?

Sì, l’EA pubblica nel suo sito Internet l’elenco degli organismi accreditati specificando per quale settore possono rilasciare la certificazione e riconosciuti nell’ambito EA. Tali certificazioni hanno lo stesso valore per i membri firmatari.

Esempio vedi www.ukas.com; www.accredia.it etc…

 

7. Cos’è l'ACCREDIA?

 

L’ACCREDIA (Sistema Nazionale per l'Accreditamento degli Organismi di Certificazione) è un’associazione senza fini di lucro che si occupa dell’accreditamento di Organismi di certificazione di prodotti, di sistemi qualità, sistemi di gestione ambientale e di personale e degli Organismi di ispezione.

L’ACCREDIA attraverso l’accreditamento garantisce che gli enti operino in conformità alle norme della serie UNI CEI EN 17021 secondo principi di serietà, correttezza, professionalità e trasparenza.

L’ACCREDIA è il riferimento per l’Italia, all’estero vi sono altre associazioni con finalità analoghe.

 

8. Un ente certificatore può non essere accreditato SINCERT (ACCREDIA) e rilasciare ugualmente certificazioni ISO 9000 o ISO 14000?

Sì, l’ACCREDIA è l’ente di accreditamento in Italia. Ogni paese ha un suo ente di accreditamento. Gli enti di accreditamento firmatari dello EA hanno la stessa valenza.

Tutti i certificati rilasciati dai membri firmatari EA (esempio UKAS, DAR, AENOR, CAI etc..) sono equivalenti e hanno la stessa validità dei certificati rilasciati dai enti accreditati ACCREDIA.

 

9. Le norme ISO sono obbligatorie?

No, tutti gli standard ISO sono volontari.

  1. Come mai ci sono aziende che si certificano in pochi mesi ed altre impiegano anni? Come mai nei preventivi che ho ricevuto, ci sono differenze notevoli di prezzo?

Allo stato attuale delle cose ci sono due modi di considerare la qualità da parte delle aziende:

  1. Aziende orientate alla qualità: “la qualità è uno strumento utile per migliorare efficacia ed efficienza delle attività aziendali. Il sistema qualità deve essere costruito ad hoc per l’azienda”.
  1. Aziende orientate alla certificazione: “la certificazione di qualità è necessaria per lavorare, ma del resto completamente inutile. Il sistema qualità deve esistere, ma deve interferire il meno possibile nelle attività quotidiane”.

Nel caso a) l’azienda ci impiega 4 - 8 mesi per progettare, implementare e mantenere attivo un sistema qualità perché questo è presente in tutte le attività che sono svolte, a tutti i livelli.

La consulenza a soddisfare le aziende orientate alla qualità presenta costi più elevati poiché si deve capire la realtà in cui si deve operare e dedicare molte ore per implementare ed adattare un sistema qualità alle reali esigenze aziendali. Un sistema costruito secondo questi principi consente di ottenere dati utilizzabili per il miglioramento di tutte le attività aziendali ed avere maggiore efficienza interna.

Nel caso b) l’obiettivo è estraneo alla qualità, l’azienda intende minimizzare le risorse impiegate per ottenere la certificazione, quindi spesso il sistema è artefatto, sostanzialmente indipendente dalle reali attività aziendali. In occasione delle visite ispettive si provvede a sbrigare tutte le formalità richieste dal sistema per poter mantenere la certificazione, ma nulla più.

15 04, 15

 

 

post a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.